La diverticolite è una condizione di infiammazione dei diverticoli ovvero piccole "sacche" che si formano nel tempo nell’intestino crasso, in particolare nel tratto dell’intestino discendente/sigma.

Circa il 40% della popolazione tra i 40 ed i 55 anni è portatrice di diverticoli. Tra i 70 e gli 80 anni l'incidenza della diverticolosi raggiunge quasi il 70-80% della popolazione. Si possono tranquillamente avere dei diverticoli e non soffrire di nessun sintomo, ma se si infiammano dallo stato di “diverticolosi” si parla appunto di “diverticolite” ovvero infiammazione dei diverticoli.

L’approccio terapeutico ortodosso affronta il problema della diverticolite con gli antibiotici (di solito normix) talmente tanto che molto spesso si arriva all’assurdità di usare antibiotici a scopo preventivo.

Se è vero che l’infiammazione è causata solitamente da batteri patogeni è pure vero che assumendo continuamente antibiotici la situazione del microbiota non può che peggiorare continuamente.

Anche in questo caso se si affronta il problema con la visione del nemico da uccidere non si va da nessuna parte e infatti chi soffre di questa patologia spesso e volentieri ha continue recidive.

Non avrebbe più senso rinforzare il microbiota probiotico residente? I lactobacilli sono la famiglia batterica più presente in quel tratto quindi degli integratori di probiotici potrebbero, soprattutto sul lungo periodo, avere la meglio (nel momento della manifestazione acuta probabilmente l’unica cosa da fare è affidarsi all’antibiotico prescritto dal medico).

Facciamo un passo in più e consideriamo che il problema non è solo fatto da microbi amici/nemici ma anche di tessuti sani o meno sani che interagiscono con il microbiota. Il tessuto è fatto dagli enterociti dell’intestino crasso che hanno bisogno di acidi grassi a corta catena (SCFA) per rimanere in salute. I più informati potrebbero essere tentati di mangiare tanto burro (quello chiarificato in pratica è SCFA puro) tuttavia i processi digestivi vanificherebbero l’arrivo degli SCFA nel tratto incriminato.

La buona notizia è che i probiotici producono acidi grassi a catena corta e infatti somministrarli come abbiamo detto ha un risultato positivo in termini di infiammazione (facendo da antagonisti ai patogeni) ma anche è ottimo somministrare PREbiotici che nutrono proprio quelle famiglie in modo da accrescerne il numero. Ebbene uno dei prebiotici più interessanti per questo tipo di problema è l’amido resistente che “resistendo” appunto alla digestione nel tenue approda indigerito nel crasso dove esplica la sua funzione nutrendo il microbiota probiotico che produce SCFA i quali a sua volta nutriranno e proteggeranno la parete intestinale rendendola più forte e sana.

Quello che si può fare per i nostri diverticoli non si ferma qui, perché oltre l’amido resistente si è scoperto che anche l’attività fisica modula il microbiota in senso probiotico (1) incrementando così la produzione di acidi grassi a corta catena.

I metodi "alternativi" continuano e anche in questo caso la vitamina D ha un importante relazioni con l'infiammazione dei diverticoli (2).

Se volete quindi curare i vostri diverticoli senza l’uso di antibiotici “preventivi” usate lactobacilli, amido resistente e tanto movimento al sole

(1)
https://microbioma.it/gastroenterologia/attivita-fisica-altera-il-microbiota-intestinale-indipendentemente-dalla-dieta/
(2)
http://www.medicitalia.it/news/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/4622-diverticolosi-diverticolite-realta-altra.html

You have no rights to post comments

Login Form

Discussione

    • Trattamento stagionale con probioti...
    • Ciao Fefochip, dopo tempo mi sono deciso ad acquistare questi tre prodotti, non soddisfatto da altri probiotici. Una cosa mi chiedo, dato che io non faccio colazione, credi che questo sia un problema? E le dosi proposte sono consigliabili a chi come me che non ha particolari problemi ma vuole farlo per prevenzione e/o pulizia? Grazie per l'eventuale risposta. Giuseppe
    • In Forum principale / Casella dei Suggerimenti
    • by giusparsifal
    • 6 months 4 weeks ago

Commenti Recenti

  • Calcolosi, un mistero misterioso? o come al solito c'è lo zampino del microbiota?

    • Igor Biagini Igor Biagini 27.05.2019 16:52
      Bellissimo! Grazie
  • Esperto di microbiota …cercasi

    • Giuseppe Giuseppe 04.05.2019 13:30
      In merito ai corsi relativi alla modulazione fisiologica del microbiota, segnalo i corsi relativi al ...
  • Il microbiota del cavo orale, come curarlo

    • Igor Biagini Igor Biagini 30.05.2019 13:43
      Oggi l'igienista orale della mia compagna ha consigliato l'assunzione dei probiotici Bromatech, in ...
  • La causa del cancro

    • francesco francesco 27.02.2019 12:17
      buongiorno federico/fefochip. ti conosco da anni su luogocomune e ti faccio i complimenti. ti segnalo ...
  • Permeabilità intestinale: conseguenze, cause e rimedi

    • Fefochip Fefochip 12.10.2018 15:38
      se ci pensi un attimo è un espressione un po infelice "se sono veri" anche se poi scrivi "e sicuramente ...